Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

martedì 23 agosto 2011

“CARO DE ANDRE’”



Pagina fans              CARODEANDRE' band    

Sito Web





La storia

Nasce, per una sorta di "non abbandono autarchico", lo spettacolo Caro De André, il 13 novembre 1999al Teatro Pagani di Monterubbiano -AP- (a proposito un Grazie Speciale a Giuseppe Verdoni, Simona Agostini e Mario Mecozzi)Si è poi evoluto, grazie soprattutto agli Artisti che di volta in volta vi hanno partecipato - musicisti, scenografi, attori, ballerini, musicologi, fonici - fino ad acquisire un volto proprio, riflesso nello specchio del Mare Faber. Adesso la materia è abbastanza complessa, fra musicisti di estrazione classica, moderna, popolare, etnica e jazz. È grazie a questi Argonauti della musica che ancora riesco a tessere la testimonianza della meravigliosa memoria deandreiana.
Lo spettacolo è sempre testardamente finalizzato, modestia a parte, alla presunta Rivelazione dei testi, per mezzo di associazioni
  • videocinematografiche con video tratti da veri e propri monumenti del Cinema, curate dal regista Vincenzo Pasquali
  • letterarie con citazioni di Opere che hanno alimentato il percorso umano del Nostro Artista
  • sonorebasti pensare all'ispirazione che Faber mutua dall'Adagio del Concerto in Re Maggiore per tromba, archi e continuo di Telemann.
La scenografia è essenziale e simbolica: un fondale nero con una striscia bianca.

Fasce di luce rossa che s’intersecano.
Il bianco e nero rappresentano la serietà e l’impegno, il rigore e la lucidità di analisi nell’opera di De André.
Il rosso è la passione ed il convincimento con cui sono affrontati gli argomenti nelle sue canzoni.
Ringraziamo la "Fondazione De André", presieduta da Dori Ghezzi, per aver accolto con soddisfazione questo nostro piccolo progetto.
Saluti. Con la nostra testa sotto i vostri piedi.
Carlo Bonanni
"Se poi chiedete ai vecchi marinai il significato di quei grandi occhi disegnati sulle prue delle barche, vi diranno dell'antica credenza secondo cui, grazie a quelle tonde orbite, si riesca a vedere oltre l' orizzonte, attraverso le nebbie più fitte e nel buio della notte più fondo.Ed è qui, che accettare di mettere in campo le proprie certezze e confrontarle con quelle di altri uomini fu senz'altro la vera, straordinaria dimostrazione di spregiudicata intelligenza degli Argonauti e lo è ancora oggi per tutti gli altri navigatori che decidono di uscire dalla rotta stabilita dalla convenienza e dalle consuetudini per rischiare di sballare, buttare a mare, le proprie convinzioni ormai ben ancorate nel calmo golfo dell'inamovibile buonsenso."
(Dario Fo)




FONTE PER I TESTI SOPRACITATI WEB SITE CARODEANDRE.IT









Nessun commento:

Posta un commento

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com