Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

venerdì 23 settembre 2011

Ornella Pennacchioni da COSE DELL'ALTRO MONDO

Dov'è dov'è, eppure c'è. Il segreto soffiò piano oltre lampo dritto della luce come uno sparo nella ragione. Esplose dentro la verità, di quelle che non si possono dire e vanno a colare altrove. Così, di faccia al giorno sulla sponda di un sorriso impercettibile bordo gengive, andavo ondulando fra labbra e denti il rimedio diurno. Abbonamento prepagato al notturno, si sa. Un giorno dopo l'altro, dove l'assenso della luna estasiata dalla puntualità col buio, ingombrava d'infinito l'eternità, andavo. Ancora e ancora da lei luna mi lasciai argentare, per vivere cromata il fantastico più scollacciato e sotto copertura. Questo è quanto più di scandalosamente clandestino si possa desiderare. Ancora affamati, degustarsi per bene per non sparire mal digeriti. I più li chiamano sogni, ma i sogni lasciamoli ai pigri. Io si tu no. Dillo ancora. Io si tu no, dillo ancora il vanto della differenza che nessuno vede benché davanti a tutti. Dai polmoni al fiato, dai piedi al passo, dal cuore all'eden. E' il filo di sutura fra una martellata e un volo appoggiato al sorrisetto del tu no. Dall'infinito senza porte ho visto galleggiare impronte di chi appeso al cosmo non teme di cadere. Nel punto d'intrattenimento fra ora e dopo dove abita il segreto, lì abito io. Che zona è? Eppure c'è. Apposta nessuno lo vede, apposta nessuno lo sa. La necessità ha imbroccato l'esclusiva un giorno primo a tutti gli altri, o forse ultimo ai primi, non saprei, e chiavi in mano senza darlo a vedere, via col pass a cose dell'altro mondo. Ad ogni dopo, dopo il giorno vado, gitana snob di un pensiero abusivo. Io si tu no. Dillo ancora. Io si tu no ad intervalli regolari come una posologia antibiotica, sennò è inutile. Un quando, un dove c'è, dove gli altri no. Dove la luna è più grande del paesaggio e cola argento sulle miniature sottostanti. Dove l'acqua evapora con te e su di te torna nuvola. Dove l'alba sale con le unghie rotte sulla parete nera della notte. Con un sorrisetto minimo, ammiccando alla scappatoia, la musica dello spartito assente sopra il cuore, una mano in diagonale fra i seni, finalmente vidi, entrai e pensai cose diverse perché erano a tutti inverse. 


TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI E PROTETTI DA COPYRIGHT

Nessun commento:

Posta un commento

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com