Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

martedì 18 ottobre 2011

2011 EMOZIONI IN APNEA (A BUON INTENDITORE... PRENDA FIATO!) (TESTO)

Mi sono sempre domandato perché i letterati scrivessero poesie; quale fosse il meccanismo interiore che facesse scattare la molla dell’anima a comandare la mente e infine la mano...
Perché Leopardi rimuginava la lama nel suo ventre per esprimere lo strazio della sua malinconia? Perché Ungaretti stilizzava parole per descrivere le sue emozioni? E così via discorrendo...
Poi un giorno ho iniziato a scrivere anch’io, a conoscere gente comune che necessitava dello stesso bisogno...

Francesco Arena

Ho conosciuto Fausto quasi per caso, leggendo qualche suo frammento, qualche suo pensiero... Incredibile! È stato come precipitare nell’abisso del suo cuore, nei suoi
pensieri più reconditi... È stato guardarsi nello specchio e sentirsi raccontare chi ero, chi sono, similitudini di emozioni si riflettevano in modo quasi speculare.
Avido di riscoprirmi, di conoscerlo, ho continuato a ricercare, a immergermi nel suo mondo privo di giorno e della notte, dove soste per riposare non trovano tempo per esistere: un viaggio in pura apnea, in un mondo sommerso di emozioni pure.
Il suo, è un gioco di scrivere per simboli, astrazioni, metafore... Che solo lui può conoscerne il vero significato; un mondo variopinto di quello che è stato ed è la sua anima sinora.
Eppure, eppure... Non per presunzione o arroganza i suoi pensieri, mi hanno rappreso l’anima, riaperto a ricordi, emozioni provate in primis sulla mia pelle; uno strano gioco di dissociazione ha fatto si che lui fosse il calamaio e io il barattolino dell’inchiostro dove intingere il pennino.
Con Fausto si viaggia nella storia, nei complessi e astrusi pensieri della filosofia umana, nell’universo dell’emozioni che poi ramifica nella volta celeste per estendersi oltre i confini ultimi degli spazi siderali... Con Fausto si esce fuori la porta di casa dal chiarore fino al crepuscolo, si è al suo fianco si intravedono attraverso i suoi occhi: dolore, gioia, rabbia, nostalgia...Emozioni che divorano, corrodono la sua, la mia anima.

Fausto G. Longo

Fausto è una specie, se così vogliamo dire, “in via di estinzione”... I poeti sono in via di estinzione; il suo coraggio di gridare, esprimersi, mi auguro non rimanga semplice urlo di Munch intrappolato in una tela o che dalla vetta di una montagna gli venga risposto da un muto eco di emozioni.
Sono ameno, orgoglioso, onorato! Di averlo conosciuto, conoscerlo, di viaggiare assieme a lui, nel suo mondo di emozioni, è un gioco di sensazioni senza eguali, uno sprofondare in apnea in un abisso pieno di colori.
Anteprima - di Fausto G. Longo

Grazie Fausto, grazie del dono che ci porgi un dono che non ha pari.

A CURA DI FRANCESCO ARENA

Nessun commento:

Posta un commento

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com