Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

mercoledì 12 ottobre 2011

Gennaro Bertetti IL PRINCIPE DELLA LUCE edizioni Rupe Mutevole collana Sopralerighe dalla Prefazione

Gennaro Bertetti - Il Pricipe della Luce
La letteratura fantastica, nel corso del tempo, ha sempre affascinato per la sua capacità di dar vita ad immagini, che già in sé e per sé sanno trasportare emotivamente e oniricamente, raggiungendone la propria compiutezza nelle metafore che si possono continuativamente scorgere tra le righe del fantastico.

Ne "Il principe della luce", Gennaro Bertetti, contribuisce con un altro mattone alla costruzione di tale genere.
L'influenza de "L'alchimista" di Coelho è ravvisabile soprattutto nello stile veloce, che non dà spazio all'introspezione, ma segue il fluire della vita che attimo dopo attimo si compone di tragedie, sogni e speranze. L'autore arriva così a sottolineare l'importanza dell'attimo, resa particella che scuote la nostra esistenza da una parvenza ad un'altra. Nel reale, i nostri sensi si dilatano e ci lasciano credere ad un'esistenza immensa, ma solo ad un certo punto ci accorgiamo che la vita è un istante, e che un evento in un preciso attimo, può deturpare il volto di un'intera esistenza.
Come dimenticare la frase di uno dei sopravissuti all'atomica di Hiroshima:
"Non c'è parola, in nessun linguaggio umano, capace di consolare le cavie che non sanno il perché della loro morte".
Siamo un qualche cosa di asservito a dei meccanismi più grandi di noi, mentre camminiamo tra le vie affollate del centro, o tra i cunicoli di un paesino medievale, già siamo possibili prede di chi ha il potere decisionale e può con una scure distruggere il futuro di noi tutti.
Il messaggio che emerge da "Il Principe della Luce", è un auspicio di speranza che alla fine diviene quasi un proclama.


Dedicato a tutte le anime che lottano per la libertà


A cura di Matteo Montieri

Intervento a cura di Marco Nuzzo

"Guerrieri, ci chiamano guerrieri. Lottiamo per la splendida virtù, per uno sforzo devoto, per una saggezza sublime, per questo ci chiamano guerrieri." - Aunguttara Nikaya,br>
"Il Principe della luce" è una storia che riprende l'eterna lotta tra Bene e Male, tra Luce e Oscurità, denotando, per diversi aspetti, uno stile semplice di racconto quale deve essere la favola in sé e per sé. Molti noteranno, in questa favola, immagini e assonanze con storie già scritte e ascoltate, tra cui: "Superman", "Excalibur", "Il manuale del guerriero della luce"; oppure personaggi come la "Fata Morgana" o la "Bestia", verosimilmente assonante al Demonio nella sua descrizione. Tuttavia, la particolarità di questo "Il principe della Luce" è una sorta di introspezione che delinea la figura di un Principe troppo buono per un mondo che poco gli si addice, è un Principe poeta, Egli ama il creato nonostante debba condividere poche gioie e tantissimi dolori.
La lotta tra il Bene e il Male è anche e soprattutto una lotta contro sé stessi, acrobati lungo la sottile linea che divide i due poli di Yin e Yang, è una presa di coscienza che matura man mano che si delineano i tratti dell'anima. Non si abbisogna di ucronie o di datazioni storiche per raccontare l'uomo, si ha bisogno innanzitutto di coscienza del proprio status di "uomini" in quanto tali, privandosi dell'ego che ci vede centrismi di un innaturale ritorno ad una teoria pre-copernicana. Si è deboli in quanto uomini e, nella nostra debolezza, troviamo rinnovata forza, noi siamo la spada del Principe, ma solo ritrovando il Drago, solo ripulendoci e svuotandoci del superfluo, solo allora potremo dirci "Guerrieri".



Notazioni

Il respiro di una fiaba è soffice come le nuvole.


Il Principe della Luce è favola, realtà, ricerca di bellezza e speranza nel futuro, e poi coraggio, sofferenza e amore.


I mondi raggiunti con la fantasia o con la tecnologia potranno davvero darci la conferma che cerchiamo?
L'unica e grande opportunità per l'umana specie è davvero raggiungibile?


Queste pagine ci offrono l'opportunità di aprirci alla vita fatta di princìpi, di forza interiore e di caparbia volontà, affinchè ognuno di noi abbia la convinzione di un comune riscatto che ci regali ancora il sorriso sereno di fronte ad una fiaba.


Il viaggio non si fermerà, i mondi si avvicineranno, e noi abbiamo la responsabilità di tener fede alla grandezza del nostro primo dono: la Vita.


L'Editore
Cristina Del Torchio


Immagine di Copertina
© Gennaro Bertetti 


IN USCITA A NOVEMBRE 2011

Nessun commento:

Posta un commento

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com