Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

venerdì 4 novembre 2011

MICHELA ZANARELLA INTERVISTATA DA ALESSANDRO D'ANGELO

D 1- A che età hai iniziato a scrivere poesie? Hai prima scritto in prosa?

M.Z.-Ho iniziato a scrivere le prime poesie nel 2004, dopo un grave incidente stradale che mi ha sconvolto l'esistenza. La poesia mi ha risollevato da un periodo davvero difficile ed è stata un aiuto concreto per ritornare alla normalità.

---
D2-Ti è sempre piaciuto scrivere poesie?
A cura di
Alessandro D'Angelo
M.Z.-Non avevo mai scritto prima del 2004 né in versi né in prosa. 
---
D3-In genere cosa ti spinge a scrivere poesie?
M.Z- La necessità di portare su carta le emozioni mi spinge a scrivere, la scrittura è una sorta di terapia per l'anima. Di solito mi lascio catturare dall'istinto. Può capitare che l'ispirazione venga con un'immagine, un suono, un ricordo, un profumo; sono principalmente gli elementi della natura a guidarmi nella creazione dei versi.
---
D4-Le tue poesie sono cariche di patos e di amore, ti sei mai chiesta il perché?
M.Z.-Credo che le mie poesie siano cariche d'amore e di pathos perché amo la vita ed amo la poesia. Cerco di valorizzare le parole e di dare un senso ad ogni cosa che accade, nulla avviene per caso e sono sicura che la Poesia è un mezzo prezioso che mi è stato affidato per apprezzare maggiormente ciò che mi circonda.
---
D5-Il tuo ambiente ha avuto un'importante un'influenza sul tuo poetare?
M.Z.-Certo, l'ambiente dove sono nata e vissuta ha influenzato sicuramente il mio scrivere. Sono molto legata alla mia terra e nelle mie poesie cerco sempre di trasmettere quel forte senso di appartenenza per la città che mi ha visto crescere.
---
D6-Parlaci delle sensazioni che provi nello scrivere una poesia ...
M.Z.-Quando scrivo mi sento libera, è come se entrassi in una dimensione diversa, dove solo le parole mi accompagnano e mi rendono autentica. Non esistono vincoli, non esiste tempo, siamo solo io e la mia anima.
---
D7- Le tue emozioni che travolgono il lettore nascono da specifiche energie. Ritieni che queste siano fondamentali nel vivere umano? Se si perché?



M.Z.-Le emozioni sono fondamentali nel vivere umano. In un mondo che corre sempre più velocemente, fermarsi ad ascoltare se stessi è un qualcosa a cui non si dovrebbe mai rinunciare. Non farlo significherebbe non saper comprendere la propria interiorità

---
D8-Fra poesia e prosa cosa preferisci e perché.
M.Z.- Tra prosa e poesia preferisco sicuramente la poesia perché la considero una forma di espressione diretta, pura ed essenziale



D9-Ci riporti un fatto che ti ha ispirato una poesia al punto di ricordarlo?

M-Z.- La perdita di una persona cara mi ha portato a scrivere con una sorta di urgenza. Davanti a situazioni estreme la scrittura mi aiuta ad alleviare il dolore

---

D10-C'è un motivo particolare che ti ha spinto a scrivere un libro?

M.Z- Ho deciso di pubblicare un libro per lasciare una traccia di me ai miei figli e alle persone che amo. Con l'incidente che ho subito mi sono resa conto di quanto l'essere umano possa essere fragile. La vita è davvero un' occasione. Voglio vivere ogni istante al meglio e la scrittura è quell' occasione per sentirmi viva.

---

D11-Hai intenzione di pubblicare ancora altri libri?

M.Z- Ho pubblicato cinque libri "Credo" ed. MeEdusa, "Risvegli" ed. Nuovi Poeti, "Vita, infinito, paradisi" ed. Stravagario, "Convivendo con le nuvole" ed GDS, "Sensualità", Sangel Edizioni. Sto preparando una nuova raccolta ed un romanzo. Spero ne seguiranno molti altri.

---

D12- Hai una simpatia particolare per qualche poeta? Se si quale?

M.Z.- Amo alla follia Alda Merini e Pier Paolo Pasolini, anche se devo dire che leggo anche molti poeti meno conosciuti.

---

D13- Ci sono dei libri che non leggeresti mai?

M.Z.- Leggo di tutto, dai fumetti ai saggi, però non amo i libri che trattano di politica.
---
D14-Secondo te, chi scrive lo fa per se stesso?
M.Z.- Chi scrive principalmente lo fa per se stesso, poi dipende da persona a persona, nel mio caso lo faccio perché amo la poesia e la scrittura, senza pensare ad uno scopo commerciale.
---
D15-Sveleresti un sogno che vorresti vedere realizzato?
M.Z.- Un sogno che vorrei vedere realizzato? Un figlio, anzi meglio se più di uno.


Vetrina delle Emozioni ringrazia Michela Zanarella ed Alessandro D'Angelo per questa intervista.


Nessun commento:

Posta un commento

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com