Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

martedì 12 giugno 2012

Niente parole d’amore per un fucile di Cesare Oddera - Recensione a cura di Vanessa Falconi


“Niente parole d’amore per un fucile” di Cesare Oddera è una raccolta  in cui le relazioni umane vivono di uno spirito libero, tematizzandosi in paràdeigma e in parabole; l’autore coi suoi versi illumina la realtà specificata, cercando un punto di contatto tra l’immagine e la realtà stessa: “E il poeta, povera stella da due soldi,/ riprese a nutrire i presenti/con il pane della poesia, senza eccezioni/ finchè ognuno fu sazio…”, e si rimane in attesa di un insegnamento finale, come quando si leggono i Vangeli di Gesù.
“Niente parole d’amore per un fucile”
di Cesare Oddera  
Una poesia che definirei pregna di significati nel significato stesso, che non si è mai stanchi di leggere e leggere ancora... tradisce il verseggiare che ci ricorda che siamo davanti ad una raccolta poetica ma sembra quasi una forma di racconto nuova, giocata sull’andare a capo... nulla è dato per scontato, tutto assume un sapore di irreale e reale al tempo stesso. Oddera racconta storie e carica la loro vita di filosofia, lancia versi colmi di sentimento, che mai t’aspetteresti di trovare, quando stringi al cuore le storie che l’autore sembra raccontare e d’improvviso un verso “Il tempo è un ragazzino che ha dimenticato/ che giorno è oggi, e l’amore/ è il giorno che è oggi” e resti muto a riflettere quanto è saggia la sequenza di queste parole, e le parole dell’autore assumono il  significato etimologico, perché è davvero confronto e similitudine.

L’erotismo abbozzato si tinge di desiderio e libido “le fuoriuscite dei seni, il gonfiarsi dei fianchi, lo spalancarsi improvviso della chiusa delle cosce” ma lascia spazio anche ad una bellezza che disarma – scrive Oddera – “bellezza che incombe alta/ al di sopra delle lame affilate/ dell’erba spada”. Immediatezza e comunicazione lineare e semplice, nel suo libro, mi ricordano, a tratti, la poetica di Gozzano, là dove – come affermava Eugenio Montale – riusciva a “far cozzare l’aulico col prosastico facendo scintille.”
La frase d’apertura del libro di Oddera afferma “E’ pericoloso sporgersi” (Ferrovie dello Stato), io mi sono sporta, tuffandomi nel rivoli di questa raccolta poetica e ho trovato un autore, all’apparenza, semplice che racchiude in sé, invece, raffinatezza e profondità.






Biografia dell'autore

Cesare Oddera è nato nel 1977 da famiglia operaia d’origine contadina. Cresciuto a Mallare, un grappolo di case in provincia di Savona, attualmente vive a Genova, dove (primo in famiglia) ha potuto studiare e laurearsi in letteratura. Nel 1999 ha pubblicato la raccolta poetica Plasticolandia per i tipi delle Edizioni Joker di Novi Ligure. Negli anni numerosi suoi testi sono comparsi su riviste (La Clessidra, Il Segnale, Specchio) ed inseriti in antologie, fra cui l’Antologia della poesia erotica contemporanea, ATi Editore, del 2006. Molto legato all’oralità della poesia, ha organizzato e partecipato a svariati reading e spettacoli poetici. La sua nuova silloge poetica Niente parole d’amore per un fucile, pubblicata nel 2012 dalle Edizioni CFR di Sondrio e prefata da Gianmario Lucini, si è classificata al terzo posto al Premio Internazionale Franco Fortini 2011. 

Oppure richiedendolo direttamente alla casella email:scais@hotmail.it, specificando l’indirizzo di spedizione. Gianmario Lucini (poeta profondo, oltre che anima e cuore della casa editrice) risponderà per concordare il pagamento e l’interessato riceverà il l’opera direttamente a casa.



E' vietata la duplicazione anche parziale senza il consenso degli Autori. 


1 commento:

  1. Vorrei ringraziare di cuore (con imperdonabile ritardo) Vanessa per le benevole parole sul mio lavoro. Fare poesia è un viaggiare fragile, per sono molto felice che il viaggio di queste poesie continui.

    Cesare Oddera

    RispondiElimina

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com