Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

lunedì 28 ottobre 2013

“Sguardi” versi scomposti e liberati - opera poetica di Bartolomeo Bellanova

Versi scritti tra dicembre 2010 e agosto 2013 con occhi liberati perché gli occhi sono gli spiragli dell’anima dai quali può uscire luce accecante o schizzi di nero di seppia nauseabondo. Ogni attimo di vita ha un senso come un passo avanti verso la liberazione dalle falsità che ci piombano la vita. A voi tutti grazie! 
– L’autore – Bartolomeo Bellanova

Invito dell’autore
Le porte delle stanze di questa galleria di immagini viventi e vive che ho pennellato di getto sono aperte a tutti voi che vorrete seguirmi in questo lungo percorso. Il mio occhio interroga con amore la natura, i sentimenti umani, la sofferenza degli ultimi e dei senza parole.
Non aspettatevi un mondo edulcorato: la tensione costante nei miei sguardi a ricercare il bello e il sublime in un fiore, in una farfalla, in un barbone o in una prostituta, non crea un mondo separato ed etereo, ma convive, come nella nostra vita quotidiana, con le bassezze, le violenze, la sgradevolezza. Ogni attimo d’amore è strappato al non senso della morte, all'interruzione repentina e inaspettata del nostro cammino, morte che torna sotto tante forme e aspetti per nascondersi meglio ai nostri occhi spesso annebbiati.
Dai nostri occhi, quindi, partiamo per imparare a liberare lo  “sguardo” “dalle falsità che ci piombano la vita” per scoprire giorno dopo giorno l’essenziale.
Entriamo, le stanze che ci aspettano sono tante: aperte e luminose, oppure scure e inquietanti, ognuno potrà soffermarsi in quelle che sente vicino, oppure non entrare in altre, avanzare, tornare indietro, ma disperatamente vivere sempre e non lasciarsi vivere


Contributo a cura di Silvia Parma
(ideatrice e curatrice del format radiotelevisivo “Musici & Poeti)
Luci e ombre, il perdersi e il ritrovarsi, l’Eterno che cuce i suoi fili attraverso i versi di una poesia.
Penso che il fascino dell’arte (sia figurativa che letteraria) sia proprio questo: bloccare l’attimo nell'Eternità  o almeno nella sua illusione.
L’espressione artistica è un bene prezioso perché condivisibile; chi crea arte ne fa dono a chi ne usufruisce, così come nel sentimento. Entrambi (arte e sentimento) nascono da un individuo, ma la loro esistenza è nelle mani di chi li accoglie, che ne può fare carta straccia, può condannarli all'oblio  oppure dar loro valore, e non solo per sé ma anche per le generazioni future.
I sentimenti, la capacità di tradurli in arte e di recepirli come tale, e quindi tramandarne la ricchezza sono la nostra chiave per l’Eterno.
In questa silloge si parla d’amore, l’amore vissuto “con ogni cellula viva ed ogni respiro strozzato”. E’ un viaggio nella capacità d’amare di chi scrive, in cui ci avventuriamo, ignari ed esperti allo stesso tempo, attraversando ad una ad una quelle stanze in ognuna delle quali è racchiuso un ricordo.  E così anche noi ricordiamo -se mai ce ne fossimo dimenticati- che l’amore è fatto di piccole cose; che l’amore le piccole cose le fa belle e magnifiche, le colora con toni mai visti, le inonda di emozioni uniche e fortissime, di una magia che solo i nostri occhi possono cogliere finché non esplode e si manifesta.

Niente è magnifico come ciò che amiamo. Niente ci fa sentire più vivi, belli, disperati, felici, nostalgici, soli e fusi col mondo intero come l’Amore. Niente altro ci dà il senso della totalità del Mondo.
E allora apriamo la prima porta, poi la seconda, e la terza e riscopriamoci vecchi e bambini, ciechi e illuminati. Riscopriamo l’amore attraverso quella “maledizione benedetta” che è la poesia, patrimonio dell’umanità che tutti unisce.
Lasciamoci benedire e maledire dall'amore senza il quale e dopo il quale niente ha senso.

Silvia Parma

Breve biografia dell’autore

Le sue poesie "Nebbia" e “Bolle di sapone” sono risultate rispettivamente terza classificata nella 2^ edizione del concorso nazionale di poesia inedita "Momenti di Poesia" indetto da IrideEventi di Roma - marzo 2011 e oggetto di segnalazione d’onore nell'ambito del Premio Nazionale di Letteratura e Teatro “Nicola Martucci – Città di Valenzano” – Edizione 2011.
La sua poesia “Omero” è risultata oggetto di segnalazione di merito nell'ambito del Premio Nazionale di Letteratura e Teatro “Nicola Martucci – Città di Valenzano” – Edizione 2013.
La sua poesia “Come fosse l’ultimo” è risultata oggetto di mozione di merito nell’ambito del Concorso “Festival Poesia d’amore – Seconda edizione” – giugno 2013 - organizzato dall’Associazione  culturale  Cries  di  Rende.
La sua silloge poetica “Dal profondo …” che contiene 11 delle poesie ricomprese in questa raccolta è risultata seconda classificata (per la Sezione silloge) all'undicesima edizione del Concorso di Poesia e Narrativa “Insieme Nel Mondo” (Savona – 7 settembre 2013).

Nessun commento:

Posta un commento

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com