Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

domenica 15 dicembre 2013

PAT METHENY - Una chitarra oltre il cielo di Luigi Viva ed. Stampa Alternativa


PAT METHENY 
Una chitarra oltre il cielo 
di Luigi Viva 
ed. Stampa Alternativa 
(2013)
A distanza di 24 anni dalla prima edizione e a 10 della seconda ho il piacere di annunciare la3a edizione del mio libro PAT METHENY - Una chitarra oltre il cielo



Il testo e' stato completamente riveduto ed arricchito con notizie e storie come quella che riguarda Giulio Carmassi, italiano, entrato a far parte della nuova band Pat Metheny Unity Group. 

Il libro in uscita dal 27 novembre 2013 
grazie  all'editore Stampa Alternativa 
e sara' in tutte le librerie da inizio di dicembre.



Luigi Viva

PAT METHENY 
Una chitarra oltre il cielo
COLLANA: New jazz people
GENERE:
pp. 400
Anno: 2013







Vincitore di venti Grammy Awards, Pat Metheny è considerato uno dei più importanti musicisti contemporanei. Chitarrista e compositore di grande levatura, alla guida del Pat Metheny Group ha firmato alcuni dei più esaltanti episodi del jazz moderno. 

Nelle esperienze solistiche, con il suo trio, nel disco con Ornette Coleman, nelle collaborazioni con Charlie Haden, Michael Brecker, David Bowie, John Scofield, Steve Reich, Joni Mitchell, Milton Nascimento, ha sempre lasciato il marchio del suo stile unico e inconfondibile.
Instancabile ricercatore di tecnologie e strumenti, ha contribuito alla realizzazione di nuovi strumenti acustici, alcuni dei quali entrati nella storia della liuteria dando inoltre vita all’incredibile Orchestrion, l’orchestra meccanico-digitale con la quale ha stupito le platee di tutto il mondo.
Una chitarra oltre il cielo, unica biografia esistente sul musicista del Missouri, partendo dall’infanzia racconta il lungo percorso umano e artistico di Metheny attraverso dichiarazioni inedite del protagonista, dei suoi familiari e dei molti musicisti che l’hanno avuto al fianco. Viene inoltre passata in rassegna l’intera produzione musicale, arricchita da notazioni sullo stile. 
La sezione biografica è completata da alcuni capitoli non meno importanti: la strumentazione; le chitarre costruite da Linda Manzer; la storia di Lyle Mays, compagno di viaggio nel Pat Metheny Group; il resoconto di una giornata in tournée; la discografia completa.
Un testo ricchissimo, documentato e avvincente, nel quale si intersecano emozioni e storie come quella di Giulio Carmassi, italiano, entrato a far parte del Pat Metheny Unity Group, la nuova band con la quale Metheny si appresta a riprendere il lungo viaggio musicale che lo vede protagonista da oltre quaranta anni.


APPROFONDIMENTI

Ho sentito il desiderio di suonare con lui dalla prima volta che lo ascoltai a Wichita: ricordo il solo che eseguì con la dodici corde. Ciò che mi colpì fu la potenza, la forza della melodia nell’improvvisazione. Non avevo mai ascolta­to nessuno suonare come Pat. In quel solo riconobbi Wes Montgomery, Jim Hall, Jimi Hendrix, John Lennon, George Harrison, così tanta musica diversa: fu entusiasmante. In un contesto jazz seppe esprimere quella “gioia melodica” che spesso manca in questa musica, che alcune volte diventa tesa, troppo complicata e sofisticata.
Lyle Mays

Mi piace il suo modo di suonare così melodico: Pat è veramente un buon musicista, un grande musicista, ed è una persona molto simpatica e cara. Mi è sempre piaciuto lavorare con lui, e fu molto divertente incidere Bright Size Life con il trio. Non ci siamo più visti da quando suonammo con Joni Mitchell. Spero, un giorno, di poter suonare ancora con lui.
Jaco Pastorius

Amo veramente la musica di Pat, e quando sono a casa lo ascolto moltissimo. Ci siamo incontrati, la prima volta, quando andai ad ascoltare un suo seminario sulla chitarra Synclavier; parlammo anche della possibilità di suonare insieme. James è un pezzo stupendo, mi piacque subito, ancor prima di sapere che era dedicato a me.
James Taylor

Pat suonava come un angelo.
Joni Mitchell

Nessun commento:

Posta un commento

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com