Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

domenica 28 febbraio 2016

Cammy e i pirati dell'ovest nuova Opera di Chiara Taormina

INFO ORDINI
SEGUITECI SULLA FAN PAGE
CHIARATAORMINA WEBSITE
E' uscito nel mese di febbraio 2016 il nuovo libro per ragazzi di Chiara Taormina “Cammy e i pirati dell'ovest”, Edizioni Il Ciliegio, opera dedicata alla figlia  dell'autrice come tutte le precedenti, con illustrazioni e cover realizzate da Diego Farina  per le edizioni Il Ciliegio. Dopo “aver salvato il pianeta da una sciagura terribile”, Cammy e Arsùra, “cammelli rari” che sanno parlare, leggere e scrivere, sono tornati a vivere nel deserto Pappal, tra i loro amici. Lì alberga la serenità fino al giorno in cui Arsùra viene rapito da Tascagrande, il capitano dei pirati dell’ovest. Cammy e un gruppo di amici si lanciano immediatamente al loro inseguimento, dando vita a una caccia che sarà fonte di scoperte, amicizie e pericoli. L’astuzia di Cammy e il suo buon animo saranno più forti di tutto: Arsùra sarà liberato, Tascagrande verrà ricondotto sulla retta via e ogni luogo da lui distrutto vedrà la ricostruzione. 
Scheda a cura di: Elisa Vincenzi 

Suggerimenti per attività e giochi 
Di seguito vengono forniti alcuni spunti per poter svolgere attività e laboratori con i bambini, nel piccolo e grande gruppo. Sarà ovviamente cura dell’adulto condurre la riflessione secondo le diverse età dei lettori. 
«Non voglio ricompense, mi basta la solidarietà e l’amicizia di coloro che decido di aiutare» rispose Alfon 
Prendiamo spunto da questo passaggio contenuto all'interno del libro per proporre giochi e attività che sviluppino nei bambini e nelle bambine l'idea di gruppo e di solidarietà. 
Per esempio, chiediamo ai bambini di disporsi in cerchio. Al centro del cerchio verrà collocato un oggetto (una scatola di grandi dimensioni, uno sgabello, un libro, ...). Al segnale dell'insegnante, i bambini dovranno avvicinarsi all'oggetto e toccarlo, mantenendo poi il contatto per un determinato periodo di tempo (a discrezione dell'insegnante). L'importante per i bambini è non toccarsi gli uni con gli altri: chi si urta infatti viene eliminato. 
Lo scopo del gioco è fare in modo che il maggior numero possibile di partecipanti riesca a toccare e mantenere il contatto con l'oggetto, cercando di non eliminarsi l'un l'altro. 
Un'altra attività potrebbe essere la seguente. 
Chiediamo ai bambini di mettersi in fila uno dietro l'altro, mettendo le mani sulle spalle del compagno che hanno davanti, in modo da formare un serpente lunghissimo. Solo il primo, ovvero la testa del serpente, potrà decidere a che velocità andare e in quale direzione far muovere tutta la fila. Obiettivo del gioco è quello di non far rompere il serpente per il più lungo tempo possibile. Ovviamente deve esserci impegno da parte di tutto il gruppo: chi è davanti deve stare attento a non perdere i propri compagni di gioco e gli altri devono cercare di adeguarsi al passo che è stato deciso. 
È comunque consigliabile alternare i bambini nel ruolo di capofila. 
Al termine del gioco possiamo intraprendere un dialogo con i piccoli rispetto all'esperienza: abbiamo preferito fare il capofila o essere parte del “corpo” del serpente? Perché? Che difficoltà abbiamo riscontrato in questa attività? Che cosa ci è piaciuto di questo gioco? 
Ordinando il libro, riceverai il pdf della scheda completa, con attività, giochi e strumenti didattici interdisciplinari.


Nessun commento:

Posta un commento

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com