Visualizzazioni totali

CERCA NEL BLOG


FANS PAGE FACEBOOK

FANS PAGE FACEBOOK


GIOIA LOMASTI FANPAGE

lunedì 6 febbraio 2017

Colori di Versi - Opera poetica di Silvana Rossellini



Colori di Versi, Silvana Rossellini (Apollo Edizioni, 2016). Silloge strutturata in settanta componimenti intervallati dalle foto di Michela Fosci. E’ Gian Paolo Grattarola a presentare l’opera con un tocco di classe ripercorrendo pagina dopo pagina e verso dopo verso il lavoro di Silvana Rossellini sottolineandone i tratti distintivi: “Si tratta di versi a breve e media lunghezza, di semplice e diretta comunicatività, attraversati da una vena lirica sobria e garbata. Versi onesti e disadorni, volutamente lontani da illuminanti accensioni e da ripiegamenti oscuri dell’animo. Componimenti che assorbono linfa vitale dall'anima profonda di ogni cosa e tonalità dall'innocente bellezza di un’intima essenza capace di percepire entità marginali del quotidiano come epifanie e doni. Poesia che rovista con tenerezza tra il fogliame dei ricordi, per dare forma a un’aura sospensiva e malinconia in cui le riflessioni affiorano con il pudore di un verseggiatore che evita tanto l’enfasi dell’elocuzione quanto la complessità delle alchimie.” 
E quasi a voler rispondere alle parole di Gian Paolo Grattarola l’autrice stessa ripercorre la sua poetica utilizzando la stessa musicalità dei suoi versi ed ecco, che attraverso un gioco di parole “i versi spiegano i versi”: “Li tratteggio facendo uso di vecchi pennelli ammucchiati in un angolo della mia coscienza. Ritraggo il cielo che li fissa, le stelle che li rischiarano e il vento che li minaccia. Riproduco il loro profumo attraverso il suono delle parole e il risonante frastuono. Della insita silenziosità di un foglio bianco, il quale, avanza innanzi alle mie pupille, travestita da distensione, da una serenità, che tuttavia, bussa fragorosamente e rumorosamente al mio giudizio. E quindi mi appello nuovamente a quei vecchi pennelli i quali paiono saltarmi in mano, mentre iniziano a procedere tra tela e pigmenti, in maniera autonoma, come dotati di vita propria. E mentre rappresento briciole della mia o dell’altrui anima, essi, poco si guardano dal non sporcarmi le mani. Ora di rosso, ora di verde, a volte di giallo, anche di bianco, tanto che, in alcuni momenti, mi fermo a riflettere sulla funzionalità di questi vecchi pennelli e su come potrebbe essere più saggio non avvalersene più. E mi dico tra me e me tanto vale che usi le mani, le dita, anche le unghie, se serve, purché i colori si imprimano in bella maniera sulla macchia di colore che gli compete.”
Particolarità della silloge: l’uso di caratteri e interlinee più “grandi” rispetto ad altre opere in commercio per  facilitare la lettura a tutti coloro che hanno deficit visivi o problemi di natura dislessica.
Colori di Versi, Silvana Rosellini, Apollo Edizioni 2016, pag. 114, ISBN 978-88-98435-86-9.
  


Presentazione dell’opera

Colori di Versi è il titolo della prima raccolta poetica pubblicata da Silvana Rossellini, nom de plume di un’autrice palermitana, classe 1983, che già annovera al suo attivo la partecipazione ad alcune antologie collettanee.
Il libro è composto da una raccolta di settanta componimenti, in cui ella affida la propria penna alla forza restitutiva del suo sguardo. Il richiamo all’osservazione dei fenomeni naturali diviene nei suoi versi una luce che illumina le sovrastrutture dell’esistenza, fiori che accendono di mille colori la quotidianità, dolce fragranza che inebria il respiro dell’anima. Ma anche vampa che incendia e divora ettari di apparente serenità, empito ingovernabile che imperioso risale dalle istanze del cuore capace e disancora la vita da un andamento pacato per gettarla nel brivido delle onde.
Si tratta di versi a breve e medi lunghezza, di semplice e diretta comunicatività, attraversati da una vena lirica sobria e garbata. Versi onesti e disaorni, volutamente lontani da illuminanti accensioni e da ripiegamenti oscuri dell’animo. Componimenti che assorbono linfa vitale dall’anima profonda di ogni cosa e tonalità dall’innocente bellezza di un’intima essenza capace di percepire entità marginali del quotidiano come epifanie e doni. Poesia che rovista con tenerezza tra il fogliame dei ricordi, per dare forma a un’aura sospensiva e malinconia in cui le riflessioni affiorano con il pudore di un verseggiatore che evita tanto l’enfasi dell’elocuzione quanto la complessità delle alchimie.
A dare consistenza al linguaggio poetico di Silvana Rossellini è una forza espressiva naturale e inalienabile, con cui ella riesce a mettere il dito là dove il cuore batte, dove respira, dove gioisce e inevitabilmente duole. A dipingere con tonalità cromatiche accese i diversi scenari di un paesaggio esistenziale che al tocco del suo pennello assumono pregnanza vitale.
La cifra poetica della Rossellini cattura il lettore per il tono vibrante della sua sensibilità, in alcuni passaggi striata da una leggera ombra di amarezza, in altri da un fuggevole alito di incantamento, portando in luce una strana e imprevedibile forma di tenerezza. L’autrice finisce in tal modo per consegnarci un testo che risulta caratterizzato dal segno di una comunicazione vera e autentica che riesce a controllare le contraddizioni del vivere in un convincente spessore artistico, lasciando emergere il valore affettivo a cui i versi restano intimamente legati.
A cura di
Gian Paolo Grattarola

Nessun commento:

Posta un commento

Non siamo una testata giornalistica. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L’amministratore del blog declina ogni responsabilità per gli articoli proposti da altri autori o per i commenti aggiunti agli articoli stessi. Eventuali contenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, o in violazione delle leggi sulla privacy, non sono da attribuirsi all’amministratore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Qualora fossero presenti contenuti che ricadono nei casi descritti lo si comunichi all'amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione.

info@vetrinadelleemozioni.com